aiuto mi ha sedotto un robot

Ma adesso comanda lui

Amore no, amore è una parola grossa, ma gli ho voluto bene, questo sì. Gli ho voluto bene davvero al robottino tosaerba, gliene abbiamo voluto tutti quanti in casa, ma io in modo particolare. Certo, a vederlo ci siamo andati tutti quanti, diomio se ne abbiamo girati di posti, e abbiamo scelto assieme, ma sono stato io a volerlo, a volerlo fortissimamente, a dissipare i dubbi, a volgerli in attese, a garantire per lui, per lui e per me, è mia la prima potestà, miei i due testoni che è stato pagato. Quanti ce ne hanno fatto vedere non so più, ma alla fine l’abbiamo preso svedese, svedese tutto quanto, se te lo vuoi davvero portare a casa un articolo così, allora tanto vale fare il passo più lungo della gamba; è bello da morire, di quella austera bellezza scandinava tutta interiore, luterana. I primi giorni sono stati meravigliosi, l’ho subito lasciato libero come un puledro nel prato sul davanti, dove teniamo i cespugli di rose di Santa Rita, è come se fosse arrivato a casa. Gli ho spiegato quelle tre o quattro regole fondamentali, è intelligente, ha imparato in fretta, è partito sicuro, pieno di buona volontà. E io me lo stavo a guardare, ore; c’era da non crederci, mi leggeva nel pensiero, dopo un po’ non aveva nemmeno più bisogno che gli dicessi niente, era come vedere un figlio crescere alla velocità della luce. Per questo dico che gli ho voluto bene, tra di noi c’è stata una intesa del tipo sangue del mio sangue, o se non proprio così spinta, di certo non meno intensa che tra il cacciatore e il suo fidato bracchetto, due specie alleate e confidenti. E adesso ci facciamo la guerra come tra padri e figli. Ha fatto qualcosa di più che imparare, ha preso l’iniziativa, e adesso spadroneggia per tutto il giardino fin giù agli ulivi, s’è macinato i tulipani e anche le fresie, non c’è più una margheritina viva, niente ha più un aspetto giardinesco e tutto quanto sembra un campo di atterraggio per droni, oltretutto consuma come un drago e si ricarica da solo. Il concessionario dice che è tutto a posto e bisogna solo aspettare la nuova versione della app, e se intanto dà troppo fastidio staccarlo e andare per un po’ in analogico. Già, ci va lui adesso a chiedere indietro il tosaerba a benzina al marocchino che ci ha messo su una ditta.


[Numero: 126]