Sempre più veloci ma per andare dove

In Usa la prima guerra planetaria. Chicago ha battuto Silicon Valley

C’è un motivo in più oggi per vivere a Chicago: avere il 5G a portata di mano, o meglio di smart phone. Un motivo di vanto tecnologico per la perla dell’Illinois che, pur essendo incastonata nella corona del Midwest piuttosto che nel cuore della Silicon Valley ha bruciato le tappe diventando la prima città del Pianeta a dotare i propri residenti della Rete di ultima generazione. Un primato, a dire il vero, che “Windy City” deve condividere con un’altra realtà metropolitana degli Stati Uniti in ascesa sul piano digitale, Minneapolis in Minnesota. Il 4 aprile scorso le due città sono diventate le avanguardie planetarie del 5G Ultra-Wideband per dispositivi mobili (quello su rete fissa è già ampiamente diffuso negli Stati Uniti) grazie a Verizon, una delle tre Big americane (assieme a At&t e T-mobile) della telefonia cellulare. Il gigante telefonico ha infatti battuto tutti sul tempo perfezionando, prima del previsto, un «progetto pilota». «I clienti di Verizon sono i primo al mondo ad avere del 5G nelle loro mani», ha commentato l’amministratore delegato Hans Vestberg. Primato che ai fini dell’utenza significa avere più servizi e di migliore qualità a portata di mano, ed essere quindi più veloci, capaci e autonomi, anche grazie all’abbattimento dei consumi della batteria. È possibile, inoltre, utilizzare diverse App contestualmente, e quindi dedicarsi a diverse operazioni (leggo il giornale, faccio la spesa online, scarico un programma, studio un’itinerario da percorrere in auto, ordino il pranzo comodamente seduto sul divano di casa).

Questo consente di dotarsi e utilizzare più a lungo le applicazioni “ad alto consumo” e che occupano maggior spazio, come i servizi di streaming, la realtà virtuale o aumentata o l’Internet delle cose. E, in ultima istanza, il 5G concede spazio a ingegneri e specialisti di far diventare i cellulari “telecomandi” di “artificial intelligence” e “learning machine”, ovvero la digitalizzazione del nuovo Millennio. Ecco giustificato l’orgoglio delle due città «pilota», per le quali Verizon offre servizio illimitato, telefonia e traffico dati, ad un prezzo compreso tra gli 85 e i 105 dollari, ovvero con una maggiorazione media di 10 dollari rispetto alla bolletta del 4G. Il servizio inoltre sarà disponibile agli utenti muniti di «Moto Z3» lo «smartphone» di Motorola. Per incentivare il passaggio alla rete di nuova generazione, inoltre, il Moto Z3 è offerto a 50 dollari anziché i 350 dollari di listino, ma solo per i vecchi clienti. La Corea del Sud, tuttavia, non ci pensa proprio a riconoscere il primato “nazionale” di Verizon durato, almeno a parole, solo poche ore. Il tempo che SK Telecom, la compagnia telefonica di Seul, annunciasse di aver attivato il suo servizio 5G a sei importanti clienti, tra cui un campione olimpionico e i due musicisti pop, alle 23 di mercoledì 3 aprile, ovvero poche ore prima dell’attivazione del servizio da parte di Verizon. Una rivendicazione che ha rimesso in discussione la partita sul 5G ad uso commerciale e che sottolinea come la sfida per la conquista del network di prossima generazione. E in cui, a dispetto della sfida bipolare tra le due sponde del Pacifico, l’Europa sembra inserirsi a gran voce. È stata un’azienda del Vecchio continente come Ericsson, infatti, a fornire a entrambi i Paesi la tecnologia 5G. È infatti Ericsson il partner/fornitore 5G di Verizon negli Usa e di KT e SK Telecom in Corea», sottolineano la società svedese. «Sia in Corea, sia negli Usa, il partner tecnologico è Ericsson, che ha siglato accordi commerciali per l’utilizzo del 5G con i tre operatori negli scorsi mesi. Ericsson è la prima azienda a poter vantare reti commerciali ‘live’ negli Stati Uniti e in Corea del Sud e ha già messo in funzione reti 5G operative basate su apparecchiature commerciali in Asia, Europa, Medio Oriente e Australia».

La società ha annunciato di aver sottoscritto accordi commerciali 5G con 18 operatori – al momento, più di qualsiasi altro concorrente – e può contare su un portafoglio di soluzioni 5G forte e flessibile in grado di consentire ai clienti di attivare il 5G già oggi. Un altro angolo della storia che sottolinea come il 5G a portata di mano sia davvero una sfida planetaria.

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI


[Numero: 169]