Diritti disumani

L’Umanità bisogna meritarsela

Si fa presto a dire diritti umani, ma gli umani, si sa con certezza chi sono gli umani da potergli dare i diritti, così, a prescindere? Cosa ci vedi di umano nei ladri moldavi, a parte la prima impressione quando ancora non li conosci? E i mandinghi? Quelli lì anche a prima vista si fa fatica a dire che sono umani. Ah, a proposito, cosa ci ha di umano la Kyenge? Oranghi, zecche, vermi, maiali, cani, topi, vuoi dire che sono umani, che sono come noi? Ce li vorresti putacaso avere in casa? L’umanità è una cosa seria e bisogna anche meritarsela, non è che basta avere due gambe e tenere in mano qualcosa.

Per cui i diritti umani sono una pagliacciata, tutti vogliono avere i diritti e se i diritti se li pigliano tutti quanti, poi non ce n’è più per nessuno. Allora, tanto per cominciare, prima gli italiani, che con tutti i difetti che abbiamo, almeno sul fatto che siamo umani possiamo andare sul sicuro. Non c’è la forza per niente di più, già facciamo fatica a riconoscerci noialtri. Per fortuna l’umanità non esiste, se esistesse sarebbe un peso troppo grande da portare in tempi di crisi, e mettersi a pensare agli umani in quel modo così, da preti e da suore, come se si potesse essere tutti fratelli a gratis, sarebbe una distrazione letale. Infatti, l’unica volta che ho visto picchiare a sangue una suora è stato la famosa domenica del G8 di Genova, il poliziotto la menava e lei non capiva; sembrava che nemmeno il poliziotto ci capisse qualcosa, menava e basta, forse gli aveva mandato il sangue agli occhi la maglietta che la suora portava sopra la veste, c’era scritto Sei miliardi di Fratelli un solo Padre. Allora si era ancora solo in sei miliardi e già era difficile così. Io purtroppo non credo in Dio, però credo nella Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo, credo che esista l’umanità; questo fa di me un disfattista senza nemmeno la scusa della tonaca, un buonista.

È una condizione paralizzante che mi riempie di rabbia e frustrazione; per questo, imitando la suora e anelando a identico martirio, nelle occasioni speciali uso portare anch’io una maglietta, sopra è stampato sinteticamente, scusate, Buonista un Cazzo. Credo nella Dichiarazione perché so di non essere buono, che non lo sono gli umani in genere, e per questa ragione abbiamo bisogno di un dio che ci metta in riga, e se proprio non troviamo un dio, almeno una Legge.


[Numero: 152]