un giornale di carta ti salva la vita

Tre anni

“Questo strano foglio di carta che avete in mano è un giornale...” Cominciava così tre anni fa la navigazione di Origami nella tempesta ossessiva dell’informazione nel mondo digitale. Un solo tema alla settimana, tanti linguaggi, diversi punti di vista rappresentati simbolicamente dalle pieghe del nostro foglio, una costruzione lieve ma tenace e con una grande ambizione: offrire una pausa a chi ha voglia di capire.

Un taglio di luce laterale sull’attualità e per questo capace di illuminare gli angoli, decifrare il sottinteso, costruire una raccolta di questioni contemporanee. Le 148 copertine di Origami che trovate in questo numero ne sono testimoni. La curva isterica del discorso pubblico in Italia dà un senso in più al nostro giornale e a tutti i luoghi in cui rallentare e riflettere: è un modo di prendere cura di se stessi.


[Numero: 148]