La fabbrica dei libri che non si leggono

Una vita sull’orlo del baratro dei libri non letti

Il primo libro che ho letto da sola, da bambina, era un grande e grosso (mi sembrava grande e grosso) volume rilegato con le fiabe dei fratelli Grimm. Regalato a Natale, a Santo Stefano l’avevo già finito. Mia madre disse che avevo sbagliato, dovevo leggere piano, poche favole alla volta, godermele, disse che così era da pazzi. Per me è impossibile, leggere è sempre stato cadere dentro un libro, leggere subito, leggere tutto. Anche adesso se sto lavorando, scrivendo, leggendo altro, e ricevo un ...continua
PER LEGGERE ORIGAMI DEVI ESSERE ABBONATO
Il settimanale del giovedì che spiega la realtà,
un argomento alla volta
ORIGAMI
Abbonati
Benvenuto
SEI GIÀ ABBONATO?
ACCEDI
VUOI LEGGERE TUTTI GLI ARTICOLI?

scopri le offerte dell'abbonamento Tutto Digitale per pc, tablet e smartphone
SCOPRI