maleducati e un po' razzisti ecco i robot

Anche loro vanno ben educati e tenuti lontano dalle cattive compagnie

A chi affidare il compito delicato e ingrato di educare i robot prima che essi affrontino l’integrazione nella nostra società? Non c’è dubbio: a Hebb e a Socrate. Le buone frequentazioni contano per l’educazione delle macchine. Ma questo lo abbiamo già imparato con i nostri figli. Siamo posti di fronte a due alternative. Se programmiamo i robot con codici ben definiti sin dal principio, allora avremo dei vantaggi. Se dovessero sbagliare e qualcosa dovesse andare storto, potremmo allora risalire ...continua
PER LEGGERE ORIGAMI DEVI ESSERE ABBONATO
Il settimanale del giovedì che spiega la realtà,
un argomento alla volta
ORIGAMI
Abbonati
Benvenuto
SEI GIÀ ABBONATO?
ACCEDI
VUOI LEGGERE TUTTI GLI ARTICOLI?

scopri le offerte dell'abbonamento Tutto Digitale per pc, tablet e smartphone
SCOPRI