il '68 nel pallone

L’odore del cuoio

Io non ho mai visto bene il pallone, sono nato con gli occhi così, ma non è che se non vedi bene il pallone ti devono trattare come un lebbroso, escludere, tenere ai margini e sbeffeggiare. Però invece è così che ho passato la mia triste e solinga fanciullezza, io che ero un figlio del popolo, frutto del contado di forzata inurbazione, traslato dal selvaggio ma benvolente borgo natio nel cuore nero e duro della città, dalle allegre battaglie campestri tra l’indistinta ragazzaglia di paese all’os...continua
PER LEGGERE ORIGAMI DEVI ESSERE ABBONATO
Il settimanale del giovedì che spiega la realtà,
un argomento alla volta
ORIGAMI
Abbonati
Benvenuto
SEI GIÀ ABBONATO?
ACCEDI
VUOI LEGGERE TUTTI GLI ARTICOLI?

scopri le offerte dell'abbonamento Tutto Digitale per pc, tablet e smartphone
SCOPRI