parigi le voci di maggio

Coraggio

Certo pensavo anch’io alla da sempre da me amata Francia e quel suo maggio era per me, ricordo ancora, un quieto sit-in davanti alla Cattolica. E al passare di quei cortei vocianti ma composti, l’emozione era quasi per me un vivo magone partecipe... Eppure mai, confesso, ebbi il coraggio e l’estro militante di unirmi anch’io a sfilare, ma fui vile, confesso, e con lei continuavo a passeggiare. continua
PER LEGGERE ORIGAMI DEVI ESSERE ABBONATO
Il settimanale del giovedì che spiega la realtà,
un argomento alla volta
ORIGAMI
Abbonati
Benvenuto
SEI GIÀ ABBONATO?
ACCEDI
VUOI LEGGERE TUTTI GLI ARTICOLI?

scopri le offerte dell'abbonamento Tutto Digitale per pc, tablet e smartphone
SCOPRI