Siberia assalto al tesoro

Trump concorrente in Est Europa mentre Xi Jinping gioca su due tavoli

Negli anni Duemila a Mosca si parlava molto della dottrina della “superpotenza energetica”, il nuovo ruolo chiave che la Russia postsovietica avrebbe dovuto ritagliarsi in Europa e nel mondo grazie alle sue immense riserve di gas, le più grandi del pianeta (l’Iran e il Qatar seguono con notevole distacco). All’epoca la Russia era anche il principale produttore di metano mondiale, e la rete dei suoi gasdotti, ereditata dall’Urss, non corrispondeva più alle alleanze politiche da cui era nata: buon...continua
PER LEGGERE ORIGAMI DEVI ESSERE ABBONATO
Il settimanale del giovedì che spiega la realtà,
un argomento alla volta
ORIGAMI
Abbonati
SEI GIÀ ABBONATO?
ACCEDI
VUOI LEGGERE TUTTI GLI ARTICOLI?

scopri le offerte dell'abbonamento Tutto Digitale per pc, tablet e smartphone
SCOPRI