Siberia assalto al tesoro

Trump concorrente in Est Europa mentre Xi Jinping gioca su due tavoli

Negli anni Duemila a Mosca si parlava molto della dottrina della “superpotenza energetica”, il nuovo ruolo chiave che la Russia postsovietica avrebbe dovuto ritagliarsi in Europa e nel mondo grazie alle sue immense riserve di gas, le più grandi del pianeta (l’Iran e il Qatar seguono con notevole distacco). All’epoca la Russia era anche il principale produttore di metano mondiale, e la rete dei suoi gasdotti, ereditata dall’Urss, non corrispondeva più alle alleanze politiche da cui era nata: buon...continua
PER LEGGERE ORIGAMI DEVI ESSERE ABBONATO
Il settimanale del giovedì che spiega la realtà,
un argomento alla volta
ORIGAMI
ABBONATI
L’approfondimento in modo nuovo
Origami con te dove e quando vuoi
Le Offerte
La Stampa TuttoDigitale
SCOPRI
Sei già abbonato?
ACCEDI