Tu chiamala se vuoi inclusione

Il senso di un gesto

Possiamo, anzi dobbiamo stare serenamente insieme, noi “abili” e veloci (troppo) fino all’automatismo che azzera, in noi, senso e valore del gesto anche del gesto minimo. E lui va piano, in attrito, quasi mirabilmente solenne. Tu stesso, da lui, senza che lui lo voglia, apprenderai qualcosa. Il valore, cioè, della conquista lenta, strappata a fatica e dove ogni gesto, finalmente, acquista, riacquista, un senso. continua
PER LEGGERE ORIGAMI DEVI ESSERE ABBONATO
Il settimanale del giovedì che spiega la realtà,
un argomento alla volta
ORIGAMI
Abbonati
Benvenuto
SEI GIÀ ABBONATO?
ACCEDI
VUOI LEGGERE TUTTI GLI ARTICOLI?

scopri le offerte dell'abbonamento Tutto Digitale per pc, tablet e smartphone
SCOPRI