Tu chiamala se vuoi inclusione

Il senso di un gesto

Possiamo, anzi dobbiamo

stare serenamente insieme,

noi “abili” e veloci (troppo)

fino all’automatismo che azzera,

in noi, senso e valore del gesto

anche del gesto minimo. E lui

va piano, in attrito, quasi

mirabilmente solenne.

Tu stesso, da lui, senza che lui

lo voglia, apprenderai qualcosa.

Il valore, cioè, della conquista

lenta, strappata a fatica

e dove ogni gesto, finalmente,

acquista, riacquista, un senso.


[Numero: 81]