e tu che italiano sei

1289: Aretini e Fiorentini se le suonano

Mossono le insegne al giorno ordinato i Fiorentini, per andare in terra di nimici; e passarono per Casentino per male vie, ove, se avessono trovati i nimici, arebbono ricevuto assai danno: ma non volle Dio. E giunsono presso a Bibbiena, a uno luogo si chiama Campaldino, dove erano i nimici; e quivi si fermorono, e feciono una schiera: i capitani della guerra misono i feditori alla fronte della schiera, e i palvesi col campo bianco e giglio vermiglio furono attelati dinanzi. Allora il vescovo, che avea corta vista, domandò: «Quelle, che mura sono?». Fugli risposto: «I palvesi de’ nimici».

Messer Barone de’ Mangiadori da San Miniato, franco ed esperto cavaliere in fatti d’arme, raunati gli uomini d’arme, disse a loro: «Signori, le guerre di Toscana si sogliono vincere per bene assalire; e non duravano, e pochi uomini vi moriano, ché non era in uso l’ucciderli. Ora è mutato modo, e vinconsi per stare bene fermi. Il perché io vi consiglio che voi stiate forti, e lasciateli assalire». E così disposono di fare.

Gli Aretini assalirono il campo sì vigorosamente e con tanta forza, che la schiera de’ Fiorentini forte rinculò. La battaglia fu molto aspra e dura: cavalieri novelli vi s’erano fatti dall’una parte e dall’altra. Messer Corso Donati con la brigata de’ Pistolesi fedì i nimici per costa. Le quadrella pioveano: gli Aretini n’aveano poche, ed erano fediti per costa, onde erano scoperti. L’aria era coperta di nuvoli, la polvere era grandissima. I pedoni degli Aretini si metteano carpone sotto i ventri de’ cavalli con le coltella in mano, e sbudellàvalli; e de’ loro feditori trascorsono tanto, che nel mezzo della schiera furono morti molti di ciascuna parte.

Molti quel dì, che erano stimati di grande prodezza, furono vili; e molti, di cui non si parlava, furono stimati. Assai pregio v’ebbe il balio del capitano, e fuvi morto. Fu fedito messer Bindo del Baschiera Tosinghi, e così tornò a Firenze, ma fra pochi dì morì. Della parte de’ nimici fu morto il vescovo, e messer Guiglielmo de’ Pazzi franco cavaliere, Bonconte e Loccio da Monte Feltri, e altri valenti uomini. Il conte Guido non aspettò il fine, ma sanza dare colpo di spada si partì. Molto bene provò messer Vieri de’ Cerchi con uno suo figliuolo cavaliere alla costa di sé.

Furono rotti gli Aretini, non per viltà né per poca prodezza, ma per lo soperchio de’ nimici. Furono messi in caccia uccidendoli: i soldati fiorentini, che erano usi alle sconfitte, gli amazzavano; i villani non aveano piatà. Messer Talano Adimari e’ suoi si tornorono

presto a loro stanza. Molti popolani di Firenze, che aveano cavallate, stettono fermi; molti niente seppono, se non quando i nimici furon rotti. Non corsono ad Arezzo con la vittoria, che si sperava con poca fatica l’arebbon avuta. Al capitano e a’ giovani cavalieri, che aveano bisogno di riposo, parve avere assai fatto di vincere, sanza perseguitarli. Più insegne ebbono di loro nimici, e molti prigioni; e molti n’uccisono, che ne fu danno per tutta Toscana.

Fu la detta rotta a dì 11 di giugno, il dì di san Bernaba, in uno luogo che si chiama Campaldino, presso a Poppi.

Dopo detta vittoria non ritornorono però tutti i Guelfi in Arezzo, ma alcuni s’assicurorono, a’ quali fu detto che, se vi voleano stare, facessono la loro volontà. Tra i Fiorentini e gli Aretini pace non si fé, ma i Fiorentini si tennono le castella aveano prese, cioè Castiglione, Laterina, Civitella, Rondine, e più altre castella; e alcuno se ne disfece. Dopo poco tempo i Fiorentini rimandorono gente d’arme ad Arezzo, e posonvi campo; e andoronvi due de’ priori. E il dì di san Giovanni vi feciono correre un palio. E combatterono la terra, e arsono ciò che trovorono in quel contado. Dipoi andorono a Bibbiena, e quella presono e disfeciono le mura. Molto furono biasimati quelli due di tale andata, cioè de’ priori, perché non era loro uficio, ma di gentili uomini usi alla guerra. Dipoi se ne tornorono, con poco frutto: perché assai vi si consumò, con affanni di persone.


[Numero: 80]