Crowd funding

Contro i vampiri gnomi alla riscossa

Questa cosa del finanziamento di massa mi piace da morire; vuoi dire che là dove non è arrivato il Manifesto del Partito Comunista, là dove ha esitato L’Uomo a una Dimensione e fallito Essere o Avere, e cioè a una buona dritta, pratica, rapida e di sicura efficacia per distruggere, annientare, polverizzare una volta per tutte e per sempre il sistema capitalistico, ci arriva la sottoscrizione Dracul? Davide di Treviso ha 25 anni, diplomato in pianoforte non trova da suonare nemmeno nei piano bar che li hanno tutti riciclati in karaoke, così lavora da suo padre che ha una bella officina meccanica di precisione nel ramo del titanio. Questo Davide lavora sodo al tornio e intanto pippa dalla sua sigaretta elettronica, che in officina non può fumare nient’altro; dai e dai questa fumata di nuova generazione gli prende a piacere così tanto che gli viene in mente di progettarne una di generazione ancora più nuova, una figata in titanio di grandi prestazioni, e va a chiedere a papà di aprire una linea di lavorazione per dar seguito alla sua bellissima idea.

Il papà gli molla un cazzottone e lo rimette in riga, e allora il Davide va alla banca che molto deve al suo papà, e il funzionario delle start up si prende esso stesso a cazzotti, del tipo bisogna che mi svegli da questo incubo prima che arrivi il principale. E così Davide si rivolge a noi, che pippiamo elettrico; nani, gnomi senza potere alcuno e ridicola disponibilità, ma bramosi di innovazione e pazzamente fiduciosi nel progetto Dracul, sigla a ricordo del papà e della sua banca. Sottoscriviamo e in capo a un anno siamo lì tutti quanti a pippare con somma soddisfazione uno splendido Dracul in titanio. E c’è una lista d’attesa e c’è già un Dracul.2 in prototipo, e patriarcato e capitale finanziario si fottano. E siamo sempre gnomi, si sa, ma anche è risaputo che basta qualche milionata di gnomi per seppellirci sotto il Golem.


[Numero: 78]