[Sommario - Numero 61]
Sogno di un pomeriggio d’estate australe
Andrea Bozzo - È nato a Torino nel 1969. Ha lavorato per The New York Times, Vanity fair, La Stampa, La Repubblica. Coordina il dipartimento di Communication and Graphic Design dello Iaad di Torino
New Zealand un Paese che funziona

Ulisse e gli All Blacks

I formidabili becchi bianchi della baia,

le mirabili curve dell’Opera House:

dove fui estasiato e non lontana

una terra estrema, quasi a nostra

italica immagine, a stivalone

rovesciato e tante volte

ripercorsa sulla carta, intravista

tra le residue regioni tuttora

aperte a un Ulisse, all’umana

idea d’inoltrarsi, progredire,

ben provvisti di ansia e pronta

meraviglia, verso un ignoto,

ormai, caduto in uno storico oblio.

New Zealand, Aoteraoa,

in lingua māori, Auckland

verso la punta nel mar di Tasmania,

Wellington e il monte nel nome

di Cook, che ne mappò la costa.

E poi i fantastici All Blacks,

i maghi del rugby scattanti

nella danza rituale haka māori.

Controllo gli orari dei voli, le offerte

su e-dreams e in panni di Ulisse,

ben munito di trolley di cuoio,

già son pronto per Auckland!


[Numero: 61]