Siamo ammalati dell apaura di ammalarci

Homo sapiens, un antiquato: ha paura delle sue stesse scoperte

«Vivono nel terrore gli scienziati / e la mente europea s’arresta», diceva il poeta Ezra Pound (Cantos, CXV). Ma di che avere paura? «Sullo studio di ombre si basa la nostra scienza», aveva già scritto lo stesso Ezra (Cantos, LXXXV), alludendo ai giochi di ombre con cui nell’antichità Talete era riuscito a calcolare l’altezza delle piramidi, ma anche all’impresa di Galileo che con il suo cannocchiale (1610) aveva mostrato che le macchie lunari erano ombre dovute all’accidentata superficie del no...continua
PER LEGGERE ORIGAMI DEVI ESSERE ABBONATO
Il settimanale del giovedì che spiega la realtà,
un argomento alla volta
ORIGAMI
Abbonati
Benvenuto
SEI GIÀ ABBONATO?
ACCEDI
VUOI LEGGERE TUTTI GLI ARTICOLI?

scopri le offerte dell'abbonamento Tutto Digitale per pc, tablet e smartphone
SCOPRI