Per favore non aprite la mia scatola nera

In un biglietto nascosto c’era la verità

“Non potevo dimenticare …”, disse Amelia in tono piangente. E terminò la frase alzando lo sguardo verso il ritratto [di George]. “Non potevi dimenticare … lui? Quel vanesio egoista, quel bellimbusto da strapazzo, quell’imbecille presuntuoso che non aveva né spirito, né educazione, né cuore? Ma come, era stanco di te e ti avrebbe abbandonata se Dobbin non l’avesse costretto a mantenere la parola. Me l’ha confessato lui stesso. Non glien’è mai importato nulla di te. Quante volte con me si diverti...continua
PER LEGGERE ORIGAMI DEVI ESSERE ABBONATO
Il settimanale del giovedì che spiega la realtà,
un argomento alla volta
ORIGAMI
Abbonati
Benvenuto
SEI GIÀ ABBONATO?
ACCEDI
VUOI LEGGERE TUTTI GLI ARTICOLI?

scopri le offerte dell'abbonamento Tutto Digitale per pc, tablet e smartphone
SCOPRI