come è profondo il male

Male e idiozia

L’atto gratuito un tempo

era se mai letteratura e oggi

materia di un festino, di una notte

alternativa. Eh già, “l’abbiamo fatto...

così... per noia. Per vedere l’effetto che fa.

E poi, chi sarà mai l’altro? Non esiste,

o è un’ombra, un fantoccio,

un volto senza senso tra la folla”.

Fino all’assurdo delle nuove

storie nere, il buco oscuro, il vuoto

in cerca di una vittima, tra piacere

malato e violenza dopata,

con acido o coltelli, per il dominio

della scena, stile fiction, spettacolo

totale guasto di osceno orrore.

E allora ti domandi se il male

o l’idiozia prevale...


[Numero: 22]