Come è profondo il male

Il confine sottile tra provocazione e qualcosa di importante

La violenza all’arte, come soggetto, è sempre piaciuto. Già nei graffiti delle grotte di Lascaux e Altamira i “cave artists” raccontavano scene truculente di caccia e di battaglia. D’altronde l’immagine più usata nella storia dell’arte, la crocifissione, rappresenta una violenza atroce, anche se poi ci siamo assuefatti e il Cristo in agonia non ci fa più impressione. Ma di esempi ce ne sono a bizzeffe, dalla testa mozzata di Golia nel David di Caravaggio allo sgozzamento di Oloferne da parte di ...continua
PER LEGGERE ORIGAMI DEVI ESSERE ABBONATO
Il settimanale del giovedì che spiega la realtà,
un argomento alla volta
ORIGAMI
Abbonati
Benvenuto
SEI GIÀ ABBONATO?
ACCEDI
VUOI LEGGERE TUTTI GLI ARTICOLI?

scopri le offerte dell'abbonamento Tutto Digitale per pc, tablet e smartphone
SCOPRI